Rodolfo Aricò

Nasce a Milano nel 1930, dove frequenta la facoltà di Architettura presso il Politecnico negli anni 1950-55, alternando esperienze di pittura. Del 1959 è la sua prima mostra personale al Salone Annunciata di Milano. L’artista è noto principalmente per i suoi "oggetti-quadri", dove scardina la distinzione tra pittura e scultura. Influenzato dagli scritti di Edmund Husserl e dall'esistenzialismo di Jean Paul Sartre, a partire dagli anni ‘70 si interessa alla storia della prospettiva, la sua relazione con l'ideologia, e il suo ruolo nell'arte, mettendo in atto queste visioni in una serie di produzioni che sfidano lo spazio pittorico.


SELEZIONE ESPOSIZIONI PERSONALI:

1959

Milano, Salone Annunciata

1963

Torino, Galleria La Bussola

1967

Roma, Galleria L’Attico

1968

Venezia, XXXIV Biennale, Sala personale

1969

Chicago, Deson-Zaks Gallery

1973

Milano, Galleria Vinciana

1974

Venezia, Palazzo Grassi, Mostra antologica al Centro Internazionale delle Arti e del Costume

1975

Bolzano, Galleria Il Sole

1976

Verona, Galleria Ferrari
Firenze, Galleria La Piramide
Trieste, Galleria Tommaseo

1977

Ferrara, Parco Massari, Padiglione di Arte Contemporanea

1980

Mantova, Casa del Mantegna, Rodolfo Aricò, mito e architettura

1982

Venezia, XLII Biennale, Sala personale

1984

Milano, Padiglione d’Arte Contemporanea, Rodolfo Aricò

1993

Milano, Lorenzelli Arte

1996

Udine, Galleria Plurima

2000

Bologna, Accademia di Belle Arti, Istituto di Pittura

2005

Londra, Barbara Behan Contemporary Art

2007

Milano, Grossetti Arte Contemporanea, Rodolfo Aricò

2009

Milano, A Arte Invernizzi, Rodolfo Aricò – un erotico germinante – L’opera di Rodolfo Aricò negli anni Ottanta

2013

Milano, Fondazione Mudima, Omaggio a Rodolfo Aricò

2014

Firenze, Galleria il Ponte, Rodolfo Aricò – germinazione di un’idea

2016

Londra, Luxembourg & Dayan, Rodolfo Aricò – Line of Demarcation

 

SELEZIONE ESPOSIZIONI COLLETTIVE:

1958

Milano, Palazzo della Permanente, Giovani artisti italiani

1961

Repubblica di San Marino, Biennale di pittura
Boston, Cambridge Art Association, 7 Italian Artists

1963

San Paolo, Biennale

1964

Venezia, XXXII Biennale

1965

Cannes, Dortmund, Colonia, Bergen, Oslo, Edinburgo, Oxford, IX Quadriennale d’Arte contemporanea italiana
Cortina d’Ampezzo, Galleria Hausamman, Otto pittori

1966

Roma, Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Aspetti dell’arte italiana contemporanea

1968

Venezia, XXXIV Biennale
Copenaghen, Istituto italiano di Cultura

1972

Venezia, XXXVI Biennale

1975

Parigi, Galerie Templon, Peinture Italienne aujour d’hui
Verona, Museo Castelvecchio, Empirica; l’arte tra addizione e sottrazione

1981

Roma, Palazzo delle Esposizioni, Linee della ricerca artistica in Italia1960/1980

1982

Londra, Hayward Gallery, Arte italiana 1960-1982

1987

Monaco, Galerie der Kunstler München e Ingostadt, Kunstverein, Emotion und method

1994

Milano, XXXII Biennale Nazionale d'Arte di Milano

1995

Venezia, Palazzo Ducale, Percorsi del gusto, centenario della Biennale.

1996

Milano, Palazzo della Permanente, Rassegna

1998

Milano, Fondazione Stelline, La luce dell'invisibile

1999

Roma, Palazzo delle Esposizioni, XIII Esposizione Nazionale Quadriennale d'Arte,Proiezioni 2000

2003

Milano, Lorenzelli Arte, Anni ’70 ’80 ‘90
Milano, Grossetti Arte Contemporanea, Collezione Italiana

2004

Verona, Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea, Orizzonti Aperti, Da Felice Casorati a Vanessa Beecroft

2009

Venezia, Peggy Guggenheim Collection; Zurigo, Kunsthaus Zurigo, Themes and Variations: From the Mark to Zero

2011

Rovereto, Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto, Percorsi riscoperti dell’Arte Italiana Vaf-Stiftung 1947 – 2010

2013

Venezia, Peggy Guggenheim Collection, Postwar. Protagonisti dell’arte italiana del secondo dopoguerra

2016

Milano, Studio Guastalla
Milano, A arte Invernizzi, Close Up – Listening to the Inaudible Sound of the Work